I cittadini di Sarconi, Paterno e Spinoso chiedono una Stazione Mobile dei Carabinieri

Una Stazione Mobile dei Carabinieri operativa almeno per due volte al mese nei comuni di Sarconi, Paterno e Spinoso. A chiederlo sono alcuni cittadini, fra cui anche consiglieri comunali, dei tre paesi valdagrini sprovvisti di un presidio permanente delle Forze dell’Ordine. La proposta è contenuta in una lettera inviata al Comando della Legione Carabinieri Basilicata, al Comando Provinciale Carabinieri di Potenza, al Comandante della Compagnia Carabinieri di Viggiano e delle Stazioni di Moliterno, Marsico Nuovo e Montemurro, oltre che al Prefetto di Potenza, dott.ssa Giovanna Stefania Cagliostro, e ai sindaci dei comuni di Sarconi, Paterno e Spinoso.

L’obiettivo è quello di garantire un maggiore controllo del territorio e di favorire una proficua collaborazione con la Polizia Locale. Secondo i promotori dell’iniziativa, presso la Stazione Mobile il cittadino avrebbe la possibilità di ricevere o fornire informazioni utili all’attività di prevenzione e repressione dei reati e di sporgere formali denunce. Spesso la sola presenza sul territorio dei Carabinieri, spiegano, con la conseguente possibilità di semplici conversazioni quotidiane favorite dalla vicinanza fisica, ha dato rilevanza ed utilità al servizio di investigazione e di controllo, ha stimolato un maggiore senso civico nelle persone, aumentando la percezione di sicurezza nei cittadini e favorendo al contempo il rispetto delle regole.

La convinzione è che la presenza di una Stazione Mobile consentirebbe di instaurare con i Carabinieri un rapporto più diretto e immediato, sarebbe segno visibile della presenza dello Stato sul territorio. I sottoscrittori della lettera chiedono dunque alle istituzioni di valutare la proposta e in aggiunta di considerare l’opportunità di creare nei paesi in questione uno o più comandi intercomunali della Polizia Locale, allo scopo di fornire una ulteriore garanzia nel contrasto a furti, vandalismo e alla diffusione delle droghe, fenomeni purtroppo tutt’altro che sconosciuti anche in Val d’Agri.

Potrebbe interessarti
Articoli correlati
Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
RICEVI GRATIS LE NOSTRE NOTIZIE