Lavoro e Salute

Fermata al Centro oli di Viggiano: Sicurezza ambientale e Lavoro senza ricatti


La decisione di queste ore di fermare gli impianti del COVA e le motivazioni di tale scelta stanno creando molte preoccupazioni sia tra i cittadini che tra i lavoratori dell’area di Viggiano. Bisogna da subito fare chiarezza sugli accertamenti e le verifiche ambientali che si stanno attuando da parte degli Enti preposti presso il Centro oli e allo stesso tempo capire con certezza le misure di sicurezza che l’ENI deve adottare per ripristinare il corretto funzionamento degli impianti.

Per la FIOM-CGIL, da sempre impegnata sui temi della sicurezza, è fondamentale che la salvaguardia ambientale e la sicurezza dei lavoratori sono le condizioni fondamentali per lo svolgimento di qualsiasi attività industriale compresa quella che svolge ENI in val d’Agri.

Allo stesso tempo ribadiamo come in passato, che se fossero accertate responsabilità sia delle Istituzionali Regionali che della stessa ENI, è necessaria la loro rimozione immediata.

Lo scenario che si ha di fronte rischia di nuovo di contrapporre “il ricatto” tra la sicurezza ambientale del territorio e dei cittadini con  il lavoro di migliaia di persone, che certamente non sono né complici, né disinteressati ai temi ambientali, ma nemmeno responsabili di quanto sta accadendo.

Bisogna da subito, che l’ENI in maniera trasparente presenti un piano operativo di interventi che necessariamente deve vedere rafforzate le attività di manutenzione degli impianti (ormai datati) con l’impiego di tutta la forza lavoro presente e anche aggiuntiva vista la gravità della situazione e i ritardi decennali.

La FIOM-CGIL Basilicata denuncia che non sarà tollerabile come già avvenuto in passato che i lavoratori vengano lasciati a casa senza garanzie e ritiene urgente iniziare un confronto vero su come si investe in energie alternative al Petrolio per traguardare ad un modello di sviluppo ecosostenibile,  verificando anche quanto “annunciato”  dall’AD di ENI nei giorni scorsi.

E’ ora di passare dalle parole ai fatti per recuperare i ritardi accumulati e rendere esigibili gli Accordi sottoscritti sull’ambiente, sull’occupazione e sulla equiparazione dei diritti e del salario tra i lavoratori dell’Indotto con quelli ENI.

Solo così si può invertire il clima di sfiducia e preoccupazione che giustamente sta interessando i cittadini e i lavoratori, ostacolando qualsiasi tipo di ricatto e contrapposizione tra Ambiente e Lavoro.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com