Primo PianoPetrolio in Val d'Agri e Valle del Sauro

Eni: avviata indagine sul pozzetto sequestrato fuori dal COVA


In relazione al sequestro di un pozzetto nell’area industriale di Viggiano fuori dal Centro Olio Val d’Agri posto in essere dall’Autorità Giudiziaria il 3 febbraio scorso, Eni prende atto che oggi è stata avviata un’indagine da parte della Procura di Potenza che coinvolge la responsabile del Distretto Meridionale (DIME).

Nell’ambito di tale indagine, Eni ritiene che le operazioni per la messa in sicurezza dei terreni sia esterni che interni all’impianto, immediatamente attivate e coordinate dal responsabile DIME in carica dal 1 febbraio scorso, siano state condotte nella massima efficacia e nel rispetto dell’ambiente e della salute dei cittadini e dei lavoratori.

Eni conferma la massima collaborazione con gli Organi Inquirenti e la fiducia nell’operato della Magistratura.

Eni ritiene che le azioni di messa in sicurezza poste in essere hanno impedito la migrazione del fluido verso l’esterno e che dalle verifiche effettuate finora non si rileva alcuna evidenza di un interessamento della falda acquifera ne’ del fiume Agri e delle acque del Lago Pertusillo.

ENI

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com