Curiosità, Notizie dall'Italia e dal Mondo

E-cig, come è cambiato il mercato negli anni?


Smettere di fumare rappresenta da sempre uno dei fioretti più gettonati. Sono infatti numerosi i fumatori che ogni anno si ripetono questo mantra: “è la volta buona per dare un taglio alle sigarette”. Eppure la forza di volontà spesso non basta, perché da sola non riesce a fare miracoli e soprattutto non può sostituire del tutto la dipendenza dalla nicotina e dai gesti classici del fumatore. È per questo motivo che negli ultimi anni è esplosa la moda delle sigarette elettroniche, ovvero di quei dispositivi che riescono a simulare molti degli elementi propri del tabagismo, ma senza causare gli effetti collaterali delle classiche “bionde”. Basta guardarsi intorno per rendersene conto: sempre più italiani scelgono le e-cig per vincere la lotta contro la dipendenza dalle sigarette. Ma come è cambiato il mercato di questi device nel corso degli anni?

Il fenomeno delle e-cig in Italia: dati e numeri

Dal 1965, anno di deposito del brevetto, ne è passata di acqua sotto i ponti. Le sigarette elettroniche hanno giovato ovviamente dei grandi progressi tecnologici dell’ultima decade, evolvendosi in dispositivi sempre più performanti e sempre più adatti per rimpiazzare le sigarette classiche. La versione “moderna” delle e-cig ha fatto il suo esordio lontano 2003, ma in Italia questa tendenza è esplosa intorno al 2010. Ad un decennio abbondante di distanza le e-cig possono oramai essere considerate come un trend consolidato in tutta Europa, e la Penisola di certo non fa eccezione: anzi, dimostra che gl italiani sono tra i più grandi  fan p di questi dispositivi.

Lo spiegano i dati dell’ultimo rapporto pubblicato da Eurispes, secondo il quale il 90% delle persone che decidono di smettere di fumare ricorre proprio alle e-cig per riuscire a vincere questa lotta. E il mercato va loro incontro, vista la presenza di nuovi player specializzati nella produzione e nella vendita anche online di svariati modelli di sigaretta elettronica, proposti ad un prezzo competitivo e quindi anche in grado di andare incontro alle esigenze di portafoglio degli italiani.

Per quanto concerne il mercato globale, attualmente gli USA la fanno da padroni, con un totale di vendite che nel 2019 ha fruttato quasi 5 miliardi di dollari. Un volume da record ineguagliabile, anche se va detto che l’Europa – fra gli altri mercati – è quello più vivace e all’avanguardia.

In conclusione, la sigaretta elettronica piace, e piace molto, per via dei tanti vantaggi che possiede e si sta dimostrando un  dispositivo in grado di rimpiazzare le sigarette classiche.

Potrebbe interessarti
Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com