Società e Cultura

Dieci le produzioni audiovisive promosse o sostenute dalla Basilicata in corsa per il David di Donatello 2017!

Cinque per la categoria “Film Italiani” : “Montedoro” opera prima del regista lucano Antonello Faretta; “Una diecimilalire” di Luciano Luminelli “Un paese quasi perfetto” di Massimo Gaudioso; “Ustica” di Renzo Martinelli; “Veloce come il vento” di Matteo Rovere. Uno per la categoria “Film Stranieri”: l’hollywoodiano “Ben Hur” di Timur Bekmambetov Uno nella categoria “Documentari”: “Il fischio di famiglia” di Michele Salfi Russo dedicato alle origini lucane della famiglia di Francis Ford Coppola. Tre nella categoria “Cortometraggi”: “Ali velate” di Nadia Kibout; “L’aurora che non vedrò” di Mimmo Mongelli; “Ballata per un ergastolano” videoclip girato dall’attore e regista lucano Cosimo Fusco.

Mai prima d’ora un numero così alto progetti girati in Basilicata è stato così presente nella selezione del premio cinematografico più importante in Italia. Questo dato testimonia la reale attrattività della nostra regione per le grandi e piccole produzioni cinematografiche, e l’attivismo positivo ed in constante crescita del distretto dell’audiovisivo lucano.

Intanto, quasi 3 milioni di telespettatori hanno visto “Noi e la Giulia”, il film di Edoardo Leo, girato in Basilicata tra Pomarico e Montescaglioso, andato in onda ieri sera su Canale 5. La prova Tv per il film vincitore di due David di Donatello, di un Nastro d’Argento e di un Globo d’Oro (tutti relativi all’anno 2015), conferma la buona qualità del prodotto filmico, già ampiamente riconosciuta anche al box Office

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Adblock Detected

Attiva gli annunci per continuare a visitare il sito.
RICEVI GRATIS LE NEWS