Notizie dal Territorio

Cosa ci rende davvero felici? Un professore di Harvard e 17 trucchi ce lo spiegano


Uno studio dell’università di Harvard, negli Stati Uniti, ha ricercato per 75 anni che cosa ci rende davvero felici. Lo studio ebbe inizio nel 1938, come riporta la Bbc, con 700 ragazzi, monitorando nel corso della vita di queste persone, quali erano i loro stati mentali, fisici ed emozionali. Lo studio è continuato fino ad oggi, con più di mille donne e uomini, i figli dei partecipanti originali della ricerca.

L’attuale direttore della ricerca, uno psichiatra americano di nome Robert Waldinger, ha tenuto un discorso motivazionale nel quale ha parlato del progetto e il video ha ricevuto più di 11 milioni di visualizzazioni. Stando a quanto è emerso dallo studio, la cosa che ci rende più felici in assoluto è la qualità delle nostre relazioni.

Lo psicologo ha infatti stabilito che le persone che si mantengono più salutari nel corso degli anni, sono quelle che si sentono soddisfatte delle proprie relazioni interpersonali. Sarebbe proprio questa soddisfazione a portare beneficio tanto alla mente quanto al corpo degli essere umani. Si tratta di relazioni all’interno delle quali possiamo sentirci sicuri, relazioni stabili nelle quali sentirci davvero noi stessi. Questo vale per le amicizie e per le relazioni sentimentali.

Nel suo lungo discorso Waldinger ha affrontato anche la questione dei conflitti. In parole dello psicologo “i conflitti minano la nostra energia e la nostra salute”.

 

 

 

 

Se siete ancora alla ricerca di risoluzioni per il nuovo anno, dare la priorità alla salute mentale non è male. Ma siccome l’obiettivo in sé può sembrare di quelli troppo alti o ambiziosi, può esser utile scomporlo in piccoli passi più gestibili.

Ecco allora l’utilità di questi trucchetti. Di seguito troverete alcune tecniche che vi aiuteranno ad affrontare i momenti di stress dell’anno a venire, rendendovi a tutti gli effetti degli esseri umani più pacati e felici:

1. Respirate.

Il vostro corpo un rimedio naturale allo stress ce l’ha già: la mente e i polmoni. Seguite il ritmo descritto dal grafico per sincronizzare il respiro e trovare un po’ di calma:

Corollario: oltre a concentrarvi sul respiro, provate a “entrare in contatto col luogo in cui vi trovate” analizzando l’ambiente intorno a voi e adoperando tutti e cinque i vostri sensi. Dite a voi stessi: “Sento i miei piedi ben piantati per terra”, “sento la televisione in sottofondo” o qualunque altra cosa siate in grado d’avvertire nel momento presente. Questo potrebbe contribuire ad allentare il vostro stress.

2. Uscite a fare due passi almeno una volta a settimana.

Fare esercizio — anche solo camminare — è in grado d’incidere positivamente sulla vostra salute mentale, in modo importante. Ma se confinate i vostri esercizi fra quattro mura potreste perdervi dei vantaggi. Le ricerche dimostrano come una passeggiata in mezzo alla natura sia in grado d’alleviare i sintomi depressivi migliorando significativamente il vostro umore. Se poi quella in cui scegliete d’andare a passeggio è una giornata di sole, ancora meglio.

3. Fate nuove esperienze.

Lasciate perdere la shopping-terapia — provate con l’avventura-terapia. Le ricerche dimostrano che spender soldi per fare esperienze invece che per accumulare oggetti ti porterà una gioia superiore. Fate che il vostro 2017 sia l’anno in cui andrete a seguire il concerto dal vivo del vostro gruppo preferito, o quello in cui volerete sospesi nel vuoto lungo un cavo d’acciaio. Ne varrà la pena.

4. Annotate i motivi per cui sentirvi grati.

O comunque tenete un diario. Le ricerche indicano che il fatto di metter nero su bianco i propri pensieri negativi aiuti a liberare la mente e appuntarsi le cose che invece s’apprezzano può aiutarvi a migliorare il benessere psicologico. Qui troverete qualche altra ragione per metter mano alla penna. (E, quale ulteriore vantaggio, ciò vi permetterà di tornare a riflettere sull’anno trascorso quando poi arriverete a dicembre dell’anno prossimo. Sarete stupiti dai vostri progressi).

5. Provate con la terapia.

Non c’è niente di male a cercare aiuto per la propria salute mentale. Gli esperti concordano sul fatto che la terapia apporti benefici incredibili aiutando a riorganizzare e gestire le proprie emozioni negative e i propri problemi di comportamento.

Nel caso in cui però non foste disposti a parlare vis-à-vis, alcuni servizi online come Crisis Text Line possono rappresentare un modo per capire che cosa ti stia succedendo. Non si può sbagliare nel fare i primi passi alla ricerca di un aiuto professionale.

6. Prendetevi una pausa dai medie tutte le orrende notizie del 2016 vi hanno abbattuto, beh, non siete soli. Le ricerche dimostrano che l’esposizione costante a un flusso di notizie negative può avere un impatto critico sulla salute mentale. Se il ciclo delle notizie vi pesa, provate a staccare la spina o a ridurne la fruizione per un certo periodo.

7. Compilate una playlist della salute mentale.

Quando vi sentite in ansia, premete il testo play. Le ricerche indicano come alcune specifiche canzoni siano in grado di ridurre fino al 65% della vostra ansia, sostiene Inc. Gli esperti del settore sono riusciti a individuare in modo scientifico “la canzone più rilassante del mondo”, “Weightless”, di Marconi Union, in base alla misurazione dell’attività cerebrale e del ritmo cardiaco di chi ha preso parte alla ricerca. Ecco qualche altra idea per la vostra playlist anti-stress.

8. Andate a letto un’ora prima.

Il sonno è un elisir magico per la propria salute mentale. Le ricerche dimostrano che qualche Z in meno rende più difficile il controllo delle proprie emozioni e ti rende più suscettibile. Per tacere del fatto che il poco sonno è in grado d’incidere negativamente sulla propria salute fisica.

9. Riducete il consumo dell’alcol.

Certo, un buon bicchiere di vinto rosso alla fine di una lunga giornata è una cosa. Ma troppi gin and tonic dopo una settimana lavorativa pesante — con la sbornia che ne consegue — potrebbero non esser l’ideale per la propria salute psicologica. Alcune ricerche indicano che bere in modo pesante può accrescere i livelli d’ansia.

10. Date un taglio alle presenze tossiche nella vostra vita.

Un conto è il momento in cui un buon amico attraversa un momento difficile e voi cercate di stargli vicini per aiutarlo a superarlo. Un altro è stare in compagnia di qualcuno costantemente stressato per ogni cosa. Ciò può incidere negativamente sul vostro benessere: le ricerche ci dicono che lo stress è contagioso. La buona notizia? Lo è anche la felicità. State attenti a formare la vostra squadra.

11. Quando vi sentite in ansia, ditelo agli altri.

La condivisione delle proprie emozioni fa bene, come ha scoperto Sarah Jessica Parker. E gli esperti concordano: parlare della propria ansia — soprattutto con dei professionisti — è la chiave per gestirla e ridurla.

“Una volta non dicevo niente a nessuno perché c’era troppa gente che faceva affidamento su di me, pensavo, mi sentivo come se tutti s’aspettassero che li facessi sentire meglio”, ha raccontato la Parker a The Coveteur agli inizi dell’anno. “Ma come per tutte le cose, fino all’istante in cui poi ne parli, ti senti un pallone gonfiato fino a scoppiare. Per sgonfiarti un po’ hai bisogno di qualcuno”.

12. Donate il vostro tempo o denaro a un’associazione che persegua una causa importante.

Ecco una lista di quelle che in questo momento avrebbero particolarmente bisogno del vostro aiuto.

“Oltre a migliorare la vita degli altri, esistono prove convincenti del fatto che il volontariato sia davvero in grado di migliorare la salute mentale del volontario, fornendogli uno scopo e rinforzando i suoi legami sociali”, ha dichiarato Srijan Sen — docente al Depression Center dell’Università del Michigan — all’Huffington Post.

13. O quanto meno praticate atti di gentilezza a casaccio.

È un circolo virtuoso che può fare tanto. Offrire un caffè a un estraneo, offrire il pranzo al proprio mentore o tenere aperta la porta a qualcuno che ha bisogno d’aiuto. Le ricerche dimostrano che è perfino in grado di migliorare il vostro umore, spingendovi a farlo più spesso.

“Spargere amore per il mondo è un modo fantastico d’aiutare qualcun altro — e voi stessi — a sentirvi felici”, ha dichiarato all’HuffPost Liz Eddy, director of communications alla Crisis Text Line.

14. Concedetevi il lusso di sentirvi tristi.

Sì, avete letto bene. Gli esseri umani attraversano una gamma di emozioni ciascuna delle quali merita attenzione. Le ricerche dimostrano che il pianto può essere catartico, dandovi modo di elaborare meglio ciò che vi sconvolge. Armatevi di fazzoletti e lasciate pur piovere quelle lacrime.

15. Organizzate una vacanza.

L’attesa della vacanza è una ricompensa in sé, quasi pari alla vacanza stessa. Le ricerche indicano che programmare un viaggio è in grado d’accrescere la vostra felicità. Non importa che si tratti di un fine settimana o di una scusa per usare i propri giorni di ferie: cominciate a fare le valigie.

16. Dedicatevi all’auto affermazione.

I dialoghi interiori possono risultare terribilmente violenti. Ma una promettente ricerca ci dice che l’auto affermazione — cioè l’atto di concentrarsi sui propri punti di forza e su ciò a cui si dà valore — è in grado di contrastare almeno in parte la negatività abitualmente sfornata dal vostro cervello.

Per fare un esempio, voi siete persone creative? Allora ripensate al contesto in cui ve ne siete accorti, e ai modi in cui avete manifestato la vostra creatività in passato. Gli esperti ci dicono che questa tecnica aiuta a proteggervi dallo stress e a farvi pensare a cose che vanno ad alimentare un senso positivo di sé.

17. Concedetevi una pausa.

Agli esseri umani succede spesso di mettersi sotto pressione con l’obiettivo di riuscire a “fare tutto”, cosa che può portare a un senso di burnout e di colpa. Voi siete i peggiori critici di voi stessi. L’anno prossimo datevi tregua e cominciate ad accettarvi in toto (le ricerche ci dicono che questa è la chiave per una vita più felice ma anche che si tratta di un’abitudine praticata solo di rado). Così facendo, presto o tardi vi sentirete più sereni e vitali.

FONTE Stefano Pitrelli HUFFINGTONPOST.IT / TPI.IT

 

 

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com