Notizie dal Territorio

Coldiretti Basilicata, presentate a Potenza le filiere del grano e dei bovini

Coldiretti Basilicata ha presentato questa mattina a Potenza, nel corso di un incontro, i primi due “Contratti di filiera” per il settore bovino e per il settore grano duro. Un progetto promosso dalla confederazione agricola lucana che vede protagoniste cooperative, allevatori e agricoltori, che hanno sottoscritto contratti tramite il Fdai ( Firmato dagli agricoltori italiani), società promossa da Coldiretti, e le società Cremonini. Per quanto riguarda la filiera della carne, l’obiettivo è quello di esaltare la qualità dei bovini lucani allevati in un territorio altamente competitivo dal punto di vista della qualità ambientale. L’altro accordo societario è stato promosso con il pastificio De Sortis di San Nicola di Pietragalla (Potenza), eccellenza della Basilicata, che immetterà sul mercato una pasta interamente lucana.

Importanti i numeri delle due operazioni. La filiera cerealicola vede impegnati circa 400 ettari di terreno ed il suo valore è di  400 mila euro  in grano duro. Il progetto coinvolge tre cooperative e tre stoccatori/commercianti e 67 aziende cerealicole per circa 14 mila quintali di grano duro. La  filiera zootecnia interessa 13 aziende beneficiarie dirette e 14 aziende beneficiarie indirette ed ha un valore di 5 milioni e 900 mila euro. “Cifre che permettono finalmente di dare la certezza agli imprenditori di avere un contratto e un prezzo ancor prima della raccolta per quanto riguarda il grano – ha evidenziato Piergiorgio Quarto presidente di Coldiretti Basilicata –  e la sicurezza di un collocamento ad un prezzo giusto per quanto riguarda i bovini. Coldiretti, che promuove queste iniziative prettamente gestite dagli imprenditori stessi, esalta questa giornata come un grande momento sindacale, a sostegno di un pragmatico momento economico”.

“Non solo piazza,  non solo protesta, non solo proposta, ma anche fatti e non parole” ha aggiunto il direttore regionale della locale organizzazione, Aldo Mattia. Presente all’incontro anche l’assessore regionale alle Politiche agricole e forestali, Luca Braia, che nel suo intervento ha sottolineato  “l’impegno della Regione Basilicata  a 360 gradi su più fronti: sulla ricerca, sulle filiere  regionali (che riguarderanno sicuramente anche la zootecnica e i  cereali, comparto straordinario, con 138 mila ettari destinati a  grano duro, che merita un’attenzione importantissima) e sulle  filiere nazionali con i progetti che ricadono nel territorio  lucano e che nelle scorse settimane abbiamo deciso di  co-finanziare con il 15%. Con il presidente della Giunta,  Marcello Pittella – ha precisato – siamo stati la  prima Regione italiana ad aderire al bando per le filiere  nazionali e siamo quindi pronti – ha concluso Braia – per questa  nuova sfida”. A Braia da Coldiretti Basilicata è arrivato  l’invito  ad attivare il Psr regionale per le filiere. “Le due iniziative presentate oggi non hanno avuto nessun sostegno finanziario pubblico – hanno rimarcato Quarto e Mattia – e un adeguato sostegno potrà favorire  e sostenere  la nascita e lo sviluppo di nuove filiere di altri  settori produttivi agricoli, al fine di proiettare fuori  dai confini lucani la qualità dei prodotti locali”.

Potrebbe interessarti
Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Adblock Detected

Attiva gli annunci per continuare a visitare il sito.
RICEVI GRATIS LE NEWS