Cronache

I Carabinieri ammanettano un architetto che “curava” una piantagione di droga


In Campania, in provincia di Salerno, in flagranza di reato per coltivazione di cannabis, è finito in manette ed ora si trova agli arresti domiciliari, in attesa del rito direttissimo, un noto architetto 55enne di Brienza, in provincia di Potenza.

Ad arrestare l’uomo, ad Atena Lucana, in provincia di Salerno, in località Poliverno, i militari dell’Arma dei Carabinieri del Comando Compagnia di Sala Consilina, in provincia di Salerno, guidati dal Capitano Davide Acquaviva.

I Carabinieri, in una zona montana al confine con la città di Brienza, hanno notato l’uomo che, dopo aver nascosto il proprio fuoristrada nel bosco, era andato tra la vegetazione con alcune taniche di acqua, barattoli di fertilizzanti ed innaffiatoi e, quindi, hanno sorpreso l’uomo mentre innaffiava e concimava una piantagione di marijuana composta da circa 20 piante, di altezza tra i 90 cm e i 2 metri e del peso complessivo di circa 54 chilogrammi.

Sottoposto a perquisizione il mezzo, a bordo sono stati trovati anche 10 grammi di marijuana, suddivisa in dosi, 3 innaffiatoi, diversi barattoli di concime e antiparassitari specifici per la marijuana, 8 taniche di acqua da 3 litri, oltre ai relativi attrezzi da giardinaggio che servivano a coltivare la varietà di droga del tipo Amnesia Haze, pianta ben mantenuta, che arriva a circa 2 metri e 10 cm. di altezza  che ha bisogno di un clima caldo a causa del lungo periodo di fioritura e che immessa sul mercato avrebbe fruttato circa 100mila euro.

Rocco Becce robexdj@gmail.com

 

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com