Politica

Bandi PNRR e gestione rifiuti in Basilicata, per Legambiente rischio flop. La risposta dell’Ass. Rosa



“Mi preme tranquillizzare Antonio Lanorte, presidente regionale di Legambiente: il tema della gestione virtuosa del ciclo dei rifiuti sta a cuore soprattutto a noi. Non so se ci ha fatto caso, ma in questi mesi abbiamo messo l’Egrib finalmente nelle condizioni di assolvere alla sua funzione che è quella di ente di governo dei rifiuti e delle risorse idriche.

Passando dalle parole ai fatti, in questi mesi la Regione Basilicata ha stretto accordi di programma prima con il Corepla e poi con il Conai, eccellenze nazionali nel campo dello smaltimento e del riciclo della plastica e degli imballaggi. Come è anche un dato inconfutabile che con tanti altri provvedimenti questo governo regionale ha dato impulso alla realizzazione dell’impiantistica mancante.

Per quanto riguarda i bandi del Pnrr relativi all’economia circolare, la Regione assieme all’Egrib, che ora ha una governance efficace e sta recuperando le mancanze del passato, ha coordinato la fase progettuale in accordo con i Comuni. Tant’è che al di là della proroga siamo già pronti a presentare più di 130 progetti. Lanorte dorma sereno o banalmente per ogni dubbio o perplessità si rivolga pure a noi: avrà tutte le informazioni del caso”.

Così l’assessore regionale all’Ambiente ed Energia, Gianni Rosa, replicando a una nota diffusa da Legambiente.

Il comunicato di Legambiente:

Pochi giorni fa la Regione Basilicata ha sottoscritto un importante protocollo d’intesa con CONAI (il Consorzio Nazionale Imballaggi) finalizzato principalmente a mettere in campo azioni per migliorare ed incrementare la raccolta differenziata dei rifiuti.

“Si tratta senza dubbio – sostiene Antonio Lanorte, Presidente di Legambiente Basilicata – di una collaborazione molto importante anche considerando il fatto che la raccolta differenziata in Regione, benché in aumento, è ancora inferiore agli obiettivi normativi, il 65% (da raggiungere già nel 2012).

“Tuttavia – continua Lanorte – riteniamo opportuno tornare a sottolineare che la raccolta differenziata rappresenta la condizione necessaria ma non sufficiente per affrontare con efficacia una gestione moderna dei rifiuti in grado di mettere in campo le sfide dell’economia circolare. Che resta al palo se i rifiuti che vengono raccolti con impegno (e costi) non sono poi correttamente indirizzati nell’ambito di un percorso adeguato, virtuoso e sostenibile di valorizzazione e riciclo. Questo tipo di percorso richiede politiche e dotazioni impiantistiche adeguate di cui al momento la Basilicata è quasi completamente carente e in assenza delle quali continueremo ad assistere alla mancata chiusura del ciclo, al ricorso alle discariche o inceneritori e ad un trasferimento dei rifiuti raccolti verso altre regioni o all’estero”.

“Per archiviare la stagione delle discariche e degli inceneritori – sostiene ancora Lanorte – peraltro con costi di conferimento insostenibili, serve completare il sistema impiantistico per il riciclo e il riuso dei rifiuti, urbani e speciali, rendendo autosufficiente la Regione. Le questioni vere sulle quali non è più ammissibile continuare a permanere in una condizione statica sono, da anni, sempre le stesse.

La mancanza di impianti sul territorio, quindi, in particolare quelli per il riciclo della frazione organica dei rifiuti, oltre ad avere un impatto ambientale notevole perchè incentiva il ricorso alle discariche e il “nomadismo” dei rifiuti, incide anche sui costi pagati dalle utenze. Inoltre ostacola una riorganizzazione del servizio basata sull’adozione di tariffe puntuali e quindi il passaggio dalla tassa alla tariffa commisurata sulla base della quantità e della qualità dei rifiuti conferiti

che, peraltro, permetterebbe anche di incentivare la raccolta differenziata”.

“La tariffazione puntuale peraltro è – sottolinea Lanorte – uno degli elementi chiave del Piano d’Ambito che EGRIB, l’Ente di Governo per i Rifiuti e le Risorse Idriche della Basilicata, avrebbe dovuto predisporre già da diversi anni, considerando che già nel 2017 era stato approvato un documento preliminare allo stesso Piano d’Ambito, contenente linee d’indirizzo e criteri specifici a supporto dei Comuni per la gestione dei rifiuti. Anche da questo punto di vista 5 anni sembrano trascorsi invano. La speranza ora è che, grazie anche al supporto di Conai, Egrib possa mettere a disposizione della Regione e dei Comuni il Piano d’Ambito, che, in ogni caso, così come l’inattuato Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti del 2016 al momento in aggiornamento per adeguarlo alle recenti direttive comunitarie sull’economia circolare, acquista senso se concretamente supportato da politiche a favore della localizzazione ed operatività degli impianti di preparazione per il riutilizzo ed il riciclo. Quegli impianti che potrebbero avere un grosso impulso dai fondi del PNRR (Piano nazionale di ripresa e resilienza) per l’economia circolare se non fosse che proprio in quelle aree del Paese, come la Basilicata e il Sud in genere, in cui le strutture per il trattamento e il riciclo dei rifiuti sono particolarmente carenti, le richieste di finanziamenti sono scarse, tanto che il Ministero della Transizione ecologica ha prorogato di 30 giorni i termini per la presentazione delle domande”.

“Insomma – conclude Lanorte – il rischio è che la mancanza di risorse tecniche e di progettualità adeguata soprattutto presso gli enti locali, possa vanificare la grande opportunità rappresentata dei programmi di finanziamento europei per provare a colmare il drammatico deficit impiantistico di cui in particolare la Basilicata soffre. A questo punto diventa indispensabile, per le pubbliche amministrazioni e le imprese, utilizzare la proroga concessa per presentare progetti concreti ed efficaci sfruttando anche il supporto di strutture istituzionali nazionali“.

Potrebbe interessarti
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com