Società e Cultura

AVIS Marsicovetere, domenica 12 giugno, celebra la “Giornata mondiale del Donatore” con donazioni del sangue



In occasione del 14 giugno sono tante le iniziative in programma sul territorio nazionale. Monumenti storici illuminati di rosso e giallo, convegni sulla promozione del dono, donazioni straordinarie e nuovi centri di raccolta. La nostra associazione non può mancare all’appuntamento ed ha organizzato per Domenica 12 Giugno, dalle 7.30 alle 12.00 una seduta di donazioni del sangue presso la nostra sede al Kiris Hotel.

“Donare sangue è un gesto di solidarietà. Unisciti a noi e salva delle vite”.

L’appuntamento, come di consueto, è volto a sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della donazione di emocomponenti e, soprattutto, a sottolineare l’impegno fondamentale di chi, gratuitamente,compie questo gesto solidale a favore di tanti pazienti. Un vero e proprio supporto strategico per tutti i sistemi sanitari nazionali. L’obiettivo della campagna dell’Organizzazione mondiale della Sanità è proprio quello di richiamare l’attenzione su quanto le donazioni volontarie rafforzino la solidarietà all’interno di ogni comunità. Nella fattispecie:

  • ringraziare i donatori di sangue nel mondo e creare una più ampia consapevolezza pubblica della necessità di una donazione di sangue regolare e non retribuita;
  • evidenziare la necessità di una donazione di sangue impegnata tutto l’anno, per mantenere forniture adeguate e raggiungere l’universalità e la tempestività di trasfusioni di sangue sicure;
  • riconoscere e promuovere il valore della donazione volontaria di sangue non retribuita nel rafforzare la solidarietà e la coesione sociale della comunità;
  • sensibilizzare sulla necessità di maggiori investimenti da parte dei governi per costruire un sistema trasfusionale nazionale sostenibile e resiliente e aumentare la raccolta da parte dei donatori volontari di sangue non remunerati.

Anche il CNS fa il punto sull’attività trasfusionale del 2021 e le previsioni per l’anno in corso. Tra i fattori che destano maggiore preoccupazione c’è l’invecchiamento della popolazione.

Sarà una seconda metà del 2022 difficile da affrontare, in particolare il periodo estivo ormai alle porte. Se da un lato il 2021 ha segnato una ripresa rispetto all’anno precedente, dall’altro va però ricordato quanto la raccolta di globuli rossi e plasma rimanga ancora lontana dall’epoca pre-Covid.

Purtroppo, al momento neanche i numeri del 2022 fanno ben sperare. Dopo i primi due mesi dell’anno in cui si è segnato un brusco calo della raccolta, dovuto probabilmente all’ondata di casi di variante Omicron, e dopo un marzo sostanzialmente stabile, i dati di aprile hanno mostrato, in particolare per la raccolta di plasma, un nuovo calo che rischierà di portare a un inizio anticipato delle carenze di sangue che ogni anno si registrano in estate, quando le alte temperature e le vacanze spingono la popolazione italiana a donare di meno.

Va sottolineato che nel 2021 non è mancato l’apporto della popolazione dei donatori che hanno confermato, dopo più di due anni di pandemia, quella generosità e quella affidabilità che ha permesso al sistema trasfusionale di reggere anche la più inaspettata delle emergenze. Ma i numeri sottolineano ancora una volta il dato del progressivo invecchiamento della popolazione dei donatori, a cui non fa da contraltare un adeguato ricambio generazionale.

Unisciti a noi, diventa donatore. Ti aspettiamo.

Potrebbe interessarti
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com