CronachePrimo Piano

A fuoco betoniera, fumo e spari nel cantiere di Tempa Rossa

Nuovo attentato in due settimane scatta l'allarme dei sindaci dell'area

Un altro incendio, ma questa volta accompagnato anche da spari nel cantiere di Tempa Rossa, a Corleto Perticara. Nuvoloni di fumo nero e vigili del fuoco al lavoro per ore nella notte tra lunedì e martedì. Una betoniera appartenente all’impresa del gruppo Leone di Roccanova è andata a fuoco. L’incendio è quasi certamente di natura dolosa, come risulta dalle prime indagini. Il gruppo Leone è una delle aziende legate alla realizzazione del Centro olio di Tempa Rossa, in particolare fornisce calcestruzzo per le opere di urbanizzazione.

Sull’accaduto indagano i carabinieri della Compagnia di Viggiano, diretti dal capitano Lucia Audino. L’incendio si è verificato intorno all’una di notte. Ad accorgersi di quello che stava accadendo sembra sia stata una guardia giurata che si trovava nella guardiola esterna all’impianto. Dopo aver notato movimenti sospetti nella zona dove l’impresa Leone custodiva la betoniera, si sarebbe è attivato per capire che cosa stava succedendo: avrebbe suonato il clacson e acceso il lampeggiante dell’auto per illuminare il piazzale, ma per per tutta risposta, contemporaneamente, si sarebbero sentiti degli spari.

Una circostanza questa ancora da chiarire, ma non si può escludere che chi ha agito fosse armato. In ogni caso nessuno è rimasto ferito. I titolari dell’impresa sono stati avvertiti poco prima delle due. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco e i carabinieri della Compagnia di Viggiano che stanno conducendo le indagini. La betoniera è andata solo in parte distrutta. Il tempestivo intervento dei vigili del fuoco ha evitato che il mezzo fosse completamente divorato dalle fiamme. Forse un tentativo di intimidazione ma le indagini sono ancora in corso. Se fosse dimostrato il dolo, l’ipotesi più accreditata sarebbe quella che dietro l’incendio possa esserci la mano del racket delle estorsioni. Ma non si esclude nessuna pista, neppure quella delle infiltrazioni.

La ditta Leone ha fornito cemento per la realizzazione delle strada di accesso al Centro oli. Al momento opera in regime di subappalto per conto di Tecnimont. È il secondo raid incendiario nel giro di due settimane che colpisce la zona del cantiere di Tempa Rossa. Il 23 agosto, infatti, era andata in fiamme l’auto di un dipendente della «Sentinella», uno degli istituti privati di vigilanza a cui la Total si è affidata per la sorveglianza interna ed esterna al cantiere di Corleto Perticara. La vettura, una Peugeot 5008, posteggiata nel parcheggio dove lasciano le auto i lavoratori del cantiere, era andata in fiamme intorno all’una di notte. Si presume che l’atto sia doloso anche perché, nel contempo, un’ altra auto, posteggiata nello stesso parcheggio (realizzato dalla compagnia petrolifera nella zona industriale di Guardia Perticara) era stata rubata. Questa seconda vettura (una Fiat Panda), di proprietà dell’istituto di vigilanza, poche ore dopo il furto era stata ritrovata in una scarpata nel territorio di Armento.

FONTE: PINO PERCIANTE – LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

EMERGENZA Covid-19
in Val d'Agri

X

Adblock Detected

Attiva gli annunci per continuare a visitare il sito.
RICEVI GRATIS LE NEWS