Eventi in Basilicata

“Anfiteatro live show”, l’ottava edizione al via insieme all’attore Francesco Siggillino

È grande attesa in Basilicata, ad Accettura, in provincia di Matera, che si prepara ad accogliere i numerosi artisti che dal prossimo lunedì, 7 agosto e sino al 16, vivranno la città Lucana, riuniti tutti insieme in una residenza artistica per preparare l’ottava edizione di “Anfiteatro live show”, uno spettacolo con ingresso gratuito che andrà in scena proprio il 16 agosto, con inizio alle ore 21.30 nell’Anfiteatro del Comune.
“Io solo tranne me” è il sottotitolo dello show scritto e diretto dall’attore Accetturese, Francesco Siggillino, prodotto dall’associazione culturale “Virò” e promosso con il patrocinio dei Comuni di Accettura e di Missanello, del Circolo Anspi, della Pro Loco Accettura e della Protezione civile.
In un’atmosfera molto favolistica, i personaggi che si alterneranno sul palco avranno spesso del grottesco e il pubblico potrà entrare nello spettacolo come in un Sogno shakespeariano durante il quale si divertirà, si emozionerà e rifletterà, entrando n una sorta di mondo parallelo, ma esistente simile a quello che vedono spesso i bimbi nel loro immaginario collettivo e che ha dato spunto al bellissimo corto promozionale, girato a pochi passi dalle “Dolomiti Lucane“, nel bosco di Montepiano, famoso cerreto, dove ogni anno viene scelto il più alto albero che diventerà il “maggio” durante il matrimonio tra alberi, dal poliedrico noto regista Antonio Petruccelli, che lo ha scritto insieme con Siggillino, con protagonista il piccolo Angelo Filardi con molti locali e gruppi musicali coinvolti , tra i quali i Parranda Groove Factory, porteranno il loro universo artistico fatto di contaminazioni legate all’uso delle percussioni con il digitale, mentre i “2 elementi” si caratterizzeranno con il loro stile pop rock e con un’impronta molto Teatrale.
Saranno, inoltre, presenti artisti di strada, acrobati e circensi, attori e ballerini che andranno a contaminare parte dello spettacolo, nonchè artisti locali che già sono stati protagonisti delle passate edizioni.
Lo show parlerà di Lucania in tutte le sue sfaccettature portando in scena, con veri e propri quadri Teatrali, vecchie atmosfere legate alle feste patronali, prendendo spunto da autori illustri come Rocco Scotellaro e Carlo Levi.
Si affronteranno, inoltre, anche temi di stretta attualità come la questione “petrolio in Basilicata” e non mancheranno spazi comici dedicati alla caratterizzazione di personaggi tipici locali.
Si parlerà, inoltre, di cinema nel territorio dedicando un piccolo spazio al mediometraggio “Tereza”, girato dallo stesso Petruccelli tra le campagne di Foggia e il Comune di Accettura con attori locali.
Uno spazio sarà anche dedicato ai fenomeni migratori, con un focus sulla vita di bambini che ogni giorno attraversano il Mediterraneo portando con se i loro sogni e sarà proiettato nel corso dello show un video molto suggestivo nel quale sono stati coinvolti numerosi bambini di Accettura e un importante momento sarà dedicato a coloro che hanno deciso di rimanere, investire e credere nel territorio, diventati partner dell’evento, “il filo conduttore dello spettacolo – spiega l’attore Francesco Siggillino, direttore artistico dello show – è il sogno, rifugio della nostra infanzia, luogo spesso dimenticato dagli adulti”.
“L’Anfiteatro live show – continua Siggillino – nasce per caso ormai quasi dieci anni fa da un gruppo di volontari composto da gente di Accettura e da molti emigranti tornati per le vacanze estive nella loro Terra natia, che hanno messo a completa disposizione la propria esperienza sia dal punto di vista artistico che organizzativo e per questa edizione, dopo anni di esperienza maturata a Roma e in giro per l’Italia, ho sentito l’esigenza di fare un ulteriore salto di qualità non fermandomi al territorio accetturese, ma facendo convogliare in un solo evento molte delle talentuose realtà lucane emergenti”.
“L’obiettivo – chiarisce, inoltre, – è di offrire uno spettacolo di intrattenimento capace di far emergere anche tematiche importanti legate alla nostra regione”.
“Ho scritto lo spettacolo – racconta – traendo ispirazione dalla mia infanzia, dal contesto in cui sono cresciuto, fonte di ispirazione e di riferimento e in particolare da tutte quelle piccole ingiustizie e delusioni che mi facevano desiderare di rimanere solo, in compagnia dei miei sogni, “io solo tranne me”.
“Tutti sogniamo – aggiunge l’attore Lucano – ed io sin da piccolo mi sono sempre classificato nella categoria dei sognatori seriali, ossia quelli che si impegnano tanto nel pensare ai loro sogni e nel crescere le cose non sono, poi, tanto cambiate e all’età di 18 anni, proprio per seguire un sogno, ho lasciato la mia casa, la mia Terra e deciso di vedere cosa ci fosse oltre quelle bellissime montagne che mi avevano protetto fino ad allora, ma il mio sogno, però, era veramente azzardato: io, abitante di un piccolo paese sperduto della Basilicata, desideravo fare spettacolo, diventare un attore e in me è rimasta, tuttavia, sempre la voglia di portare a casa la mia esperienza e condividerla con quante più persone possibili”.
“Da qualche anno – prosegue – lavoro spesso nella mia regione e sono continuamente meravigliato nell’incontrare realtà artistiche che apprezzo tanto ed ogni volta mi chiedo: “perché non lo sapevo? Perché non li conoscevo?”, forse, mi rispondo, perchè in Basilicata le distanze geografiche ci limitano nel trovarci in questi piccoli regni inespugnabili situati sui colli. Incontrare altri artisti mi ha fatto capire che non sono il solo folle sognatore Lucano, ma che in ogni angolo di questo territorio c’è un sognatore seriale con una storia e con dei sogni simili ai miei e questo mi ha spinto a creare un’edizione di “Anfiteatro live show” in cui trasformarmi nel Capitano di una piccola Arca piena di sognatori seriali Lucani che, in un unico evento, attraverso la loro arte e la loro bravura, trascineranno a bordo gli spettatori, ricordando loro che tutti i sogni si possono realizzare e che essere adulti, in fondo, non è un male: basta solo chiudere gli occhi quando tutto sembra remare contro e pensare: “Ora voglio restare solo, “iosolotranneme”.
“In una serata dal sapore magico – conclude l’attore Siggillino – attraverso un viaggio periglioso e affascinante nell’arte e nell’attualità, nella fantasia e nella realtà, trascineremo gli spettatori ad un’infanzia spesso dimenticata e ai loro sogni di bambini che possono ancora realizzarsi”, come informa una nota stampa inviata da Sandra Guglielmi.
Redazione

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Adblock Detected

Attiva gli annunci per continuare a visitare il sito.
RICEVI GRATIS LE NEWS