Società e Cultura

La Rete degli Studenti Medi della Val d’Agri lancia la mobilitazione: “Stanchi di essere dimenticati dalle Istituzioni”

Durissimo comunicato a firma del sindacato studentesco

Un comunicato duro che non risparmia le Istituzioni e, soprattutto, le aziende del Trasporto Pubblico.

La Rete degli Studenti Medi della Val D’Agri contesta l’assenza delle minime condizioni di sicurezza (nel rispetto delle norme anticontagio) all’interno degli Autobus.

Un problema che il sindacato studentesco definisce “endemico” ma molto sentito in una fase di particolare recrudescenza del virus in molti comuni della Val D’Agri.

Ad ogni modo, gli studenti, si apprestano ad inaugurare anche una nuova modalità di mobilitazione.

Soltanto una piccola delegazione di rappresentanti (per ogni scuola), infatti, si recherà davanti all’ingresso del Liceo “G.Peano” di Marsico Nuovo.

L’adesione di fatto alle ragioni dello sciopero si potrà manifestare attraverso la non partecipazione alle attività didattiche a distanza nel corso della giornata di domani.

Qui di seguito, il testo del comunicato redatto dalla Rete degli Studenti Medi della Val D’Agri

UNIAMOCI, RESISTIAMO, REAGIAMO

La situazione che la Val d’Agri sta vivendo va di giorno in giorno peggiorando, aggravata dalla condizione vergognosa e intollerabile dei trasporti pubblici, che da anni caratterizza la vita delle studentesse e degli studenti. Un problema endemico, che vanifica tutto il lavoro fatto dalle scuole in materia di prevenzione, e che rende quanto più che mai necessario un intervento repentino sul servizio, soprattutto in un territorio come il nostro dove la stragrande maggioranza degli è pendolare.
Vista l’assenza di un provvedimento tempestivo da parte degli organi competenti, la Comunità Unita Studentesca della Val d’Agri e la Rete degli Studenti Medi, stanchi di essere dimenticati dalle Istituzioni, che, consce della loro incapacità nel risolvere il problema, lasciano la Scuola in questo stato di indicibile incertezza, dichiara che nel giorno 6/10/2020 entrerà in sciopero.
Le rivendicazioni sono:
– che sia avviata la didattica a distanza per tutte le scuole della Valle fino a quando non verrà trovata una soluzione per i trasporti, per un tempo massimo di due settimane;
-che sia garantito su tutti i mezzi l’igienizzante per prevenire il contagio;
-che siano realmente sanificati i mezzi di trasporto e che sia attestato con un documento firmato da coloro che l’hanno sanificato;
-raddoppio dei mezzi sulle tratte critiche già da noi denunciate.
Lo sciopero si svolgerà con le seguenti modalità:
Tutti gli studenti sono invitati a stare a casa e a non partecipare alle lezioni a distanza. Solo una piccola delegazione per ogni scuola andrà a Marsiconuovo (PZ), davanti al liceo G. Peano, a testimoniare le nostre istanze.
SOLO UNITI VINCEREMO
AVANTI VAL D’AGRI

IL SINDACATO STUDENTESCO
Rete degli Studenti Medi Val d’Agri
Antonio Prestera

Potrebbe interessarti
Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
RICEVI GRATIS LE NEWS