Home / Notizie dal Territorio / La Cia scende in campo in difesa delle sagre “autentiche”

La Cia scende in campo in difesa delle sagre “autentiche”

LE NOSTRE NOTIZIE GRATIS SUL TUO WHATSAPP

 

E’ un fenomeno tipicamente italiano. L’estate l’Italia si veste a festa e spuntano come funghi sagre di ogni tipo.

È l’espressione più autentica dell’attaccamento al territorio, alle tradizioni agricole percepite ancora e sempre più come fondanti della cultura nazionale e della voglia di celebrarle. E anche se negli ultimi anni il fenomeno è esploso con una miriade di iniziative esclusivamente commerciali, che nulla hanno a che fare con la tradizione, è ancora possibile trovare eventi di qualità e dallo spirito autentico. Anche in Basilicata il mese di agosto è quello clou per le sagre di prodotti alimentari. La Cia scende in campo in difesa delle sagre “autentiche” vale a dire gli eventi realmente radicati sul territorio di produzione. Come distinguerle da quelle “tarocche”?

Sarebbe sufficiente verificare se il prodotto “re” della sagra è compreso tra i 114 i Prodotti Agroalimentari Tradizionali (PAT) della Basilicata. Si tratta dell’elenco nazionale dei prodotti agroalimentari tradizionali realizzato dal Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali che con l’aggiornamento a luglio scorso (il diciasettesimo) riconosce 114 prodotti lucani, di cui 39 classificati quali paste fresche e prodotti panetteria e pasticceria; 32 prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati; 17 carni fresche e loro preparazione; 14 formaggi; 4 prodotti di origine animale (miele, lattiero-caseari); 3 prodotti della gastronomia, uno bevande alcoliche, distillati e liquori (il sambuco di Chiaromonte). Accade invece che la fantasia e creatività sono coniugate con le meno nobili intenzioni di fare cassa approfittando della voglia dei lucani di fare festa magari anche con le sagre del wurstel e della birra (non artigianale).

Abbiamo un potenziale enorme che – sottolinea il direttore regionale della Cia Donato Distefano – non a caso è indicato dal Rapporto Censis come “energia positiva”,  tenuto conto che la quota dell’export alimentare del “made in Basilicata” è appena dello 0,1% dell’ammontare complessivo delle Regioni del Sud e che la tendenza del “mangiare italiano”, nonostante la crisi dei consumi, è comunque positiva con 35 miliardi di fatturato. Tanto più che l’alimentare “made in Basilicata” continua a tirare sui mercati esteri persino rispetto ad auto (Fiat) e salotti. Per la Cia ”si tratta di un primato che conferma ancora una volta l’eccellenza dell’agroalimentare ‘made in Italy’ rispetto ai nostri competitor piu’ agguerriti”, che pero’ avverte: ”si puo’ fare molto di piu’ per sviluppare il segmento: da un lato serve piu’ promozione a sostegno dei nostri prodotti a denominazione meno conosciuti; dall’altro occorre intensificare la lotta alla contraffazione alimentare, che ogni anno ”scippa” alle nostre imprese di qualità oltre 1 miliardo”. E allora perché non far diventare le sagre vetrine di promozione approfittando dei turisti presenti in questi giorni da noi? Il turista ha sempre l’abitudine di riportarsi a casa un ricordo della vacanza e predilige i prodotti tipici che poi magari riacquisterà in autunno e per le feste di Natale.

Per questa ragione bisogna usare ”tolleranza zero” verso chi imita i nostri prodotti d’eccellenza, facendo concorrenza sleale alle nostre imprese e compromettendo il prestigio del nostro sistema agroalimentare dentro e fuori i confini nazionali. La Cia – ricorda ancora Distefano – ha presentato una proposta di legge di iniziativa popolare per regolare i rapporti tra agricoltura e Gdo (Grande distribuzione organizzata). L’obiettivo è di promuovere e commercializzare i prodotti locali che siano tracciabili e identificabili nel territorio rurale di produzione, aprendo nuovi spazi di mercato a produzioni alimentari e tipiche lucane anche di nicchia. E’ dunque un ulteriore sostegno alla rete di prodotti Dop, doc, docg e igp “made in Basilicata”, e ai programmi di filiera agro-alimentare proiettati all’esportazione. Per la Cia non è più rinviabile l’istituzione di una una società – l’Agripromo – per favorire la promozione e la commercializzazione dei prodotti che hanno ottenuto o che stanno per ottenere i marchi Dop, Igp e Stg, e per allargare la “rete” dei marchi a livello comunale e territoriale, specie in attuazione del recente protocollo “Res Tipica” tra Cia ed Anci.

VIDEO PROMOZIONALE


Un commento

  1. dino

    L’unico vero modo, sicuro ed economico al contempo, per combattere la contraffazione è la serializzazione dei prodotti. Servizi come my-validactor offrono tutto ciò a prezzi vicini allo zero se non addirittura gratuitamente. Se solo lo si volesse davvero la contraffazione sarebbe facilmente contrastata con armi appropriate, disponibili, economicissime e italiane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *